Un piccolo elegante word processor

Mele e appunti

Avendolo scoperto per caso soltanto ieri, questa è da considerarsi più una segnalazione che una recensione. Pagehand è un nuovo word processor creato appositamente per Mac OS X, e le mie prime impressioni sono estremamente positive. L’interfaccia è sobria ed essenziale. La barra strumenti può cambiare dinamicamente a seconda delle impostazioni che si stanno regolando. La gestione dei font è intuitiva, intelligente e personalizzabile. Facendo un giro di prova, si nota presto come i programmatori abbiano fatto il possibile per rendere Pagehand un word processor efficiente e semplice da usare: creare sezioni, cambiare più volte il formato delle colonne in una stessa pagina, creare e applicare stili, tutto sembra ottimizzato a vantaggio della chiarezza, dell’usabilità, e del compiere un’operazione con il minor numero di passaggi possibili.

Un dettaglio interessante: il formato di default dei documenti prodotti da Pagehand è PDF. Una scelta che gradisco e che permette di creare da subito documenti eleganti, che conservano font e stili, e che soprattutto sono leggibili da chiunque. I formati supportati da Pagehand, secondo la pagina delle FAQ, sono .rtf, .doc, .docx, .odt, .sxw, .stw, .html, e .webarchive. Lo dico subito: chi spera di aprire un PDF qualsiasi sperando di modificarlo direttamente in Pagehand rimarrà (prevedibilmente) deluso. Pagehand apre soltanto i file PDF da lui prodotti. Sempre secondo le informazioni ricavabili dalle FAQ, per aprire un documento nei formati suddetti, Pagehand utilizza il sistema di traduzione documenti di Apple, lo stesso impiegato da TextEdit. I programmatori aggiungono: Altre applicazioni, come Pages e Nisus, sono dotate di traduttori più potenti. L’importazione / traduzione di documenti è un’area importante che speriamo di poter potenziare. Io gli ho dato in pasto documenti in svariati formati e Pagehand se l’è cavata bene. Per quanto riguarda l’esportazione, dopo aver composto un documento di prova e aver selezionato Export, i formati proposti sono stati RTF, RTFD, HTML puro, HTML (con conservazione dell’ampiezza di pagina), HTML (mantenendo l’impaginazione), Web Archive (il formato usato da Safari per registrare pagine Web), Open Document (.odt), Word 2007 (.docx), Word 97 (.doc) e testo puro. Mi sembrano opzioni più che sufficienti per un minimo di interoperabilità.

Un altro dettaglio che mi ha positivamente colpito: all’apertura del programma viene presentato un documento di prova in cui gli autori introducono l’utente alle funzioni principali di Pagehand. È un documento veramente ben scritto (occhio, in inglese) e utile per familiarizzare da subito con il programma. Leggendolo integralmente si parte molto meno disorientati.

Il prezzo sarebbe 49,95 dollari, anche se al momento c’è l’offerta di lancio a 39,95. Può sembrare un po’ altino, ma da quel che ho visto finora potrebbe valerne la pena. È possibile scaricare Pagehand e provarlo per 30 giorni senza limitazioni di funzionalità, così ci si può fare un’opinione informata. Più avanti mi riserverò di scrivere una recensione maggiormente approfondita.

The Author

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!

3 Comments

  1. Avevo già notato più di qualche settimana fa Pagehand, ma non ho ancora avuto tempo di provarlo. Se continuerai ad utilizzarlo e ne avrai il tempo, sarebbe interessante leggere un tuo articolo contenente un paragone tra questo software, Pages e Word.

  2. Xanderoby says

    Se non altro ha un’interfaccia pulita e razionale che già da sola fa metà del lavoro.
    Bella poi la scelta del PDF e l’interoperabilità con formati proprietari ed aperti.
    Giusto il prezzo potrebbe essere ritoccato all’offerta di lancio, ma qui è una questione di priorità.
    ;)

  3. Programma interessante, da quello che leggo qui e sul loro sito.
    Il prezzo però mi sembra davvero un po’ troppo alto per quello che offre in questo momento. Se potesserlo tenere a 39,95$ migliorandolo un po’sarebbe di sicuro molto più attraente.
    Due note: la prima è che se si compra il programma e poi si decide che non piace più, gli sviluppatori sono disposti a restituire il costo dello stesso. Soddisfatti o rimborsati, è il caso di dirlo :)
    La seconda nota è che proprio grazie a queste politiche di attenzione al cliente che certe software house piccole possono avere successo (mi viene ora in mente Pixelmator ma ci sono altri programmi ben supportati)

Comments are closed.