iTunes 9 (prima parte)

Una delle novità più interessanti dell’evento Apple It’s Only Rock and Roll, But We Like It del 9 settembre è stata senza dubbio iTunes 9. Invece di buttarmi a condividere impressioni a caldo, ho preferito passare alcune ore esplorando il programma e facendo qualche confronto con iTunes 8, prima di aggiornare tutti i miei Mac alla nuova versione. Ne è venuto fuori un articolo piuttosto corposo, pertanto lo proporrò diviso in parti per agevolare la lettura. Ho toccato i punti di maggiore interesse per me, quindi l’articolo non ha la pretesa di essere esaustivo.

1. L’interfaccia grafica

Fin dall’apertura di iTunes 9 si possono notare i cambiamenti apportati all’interfaccia grafica, più o meno sottili. Per avere un’idea immediata di tali cambiamenti, segnalo questa pagina del blog di Garrett Murray, in cui è sufficiente passare il mouse sulle immagini per osservare le differenze fra iTunes 8 e iTunes 9. In generale, i ritocchi all’interfaccia grafica di iTunes 9 non mi dispiacciono. Le icone piccole della barra laterale sono decisamente più nitide, per esempio, e ci sono altri dettagli positivi che menzionerò più avanti. Ci sono però dei particolari che mi convincono meno. Il chrome di iTunes 9 è più brillante e ha tonalità più chiare di quello di iTunes 8, ed è stata accentuata una certa tridimensionalità di comandi e indicatori che trovo un po’ gratuita, per non parlare del pannello centrale (mi riferisco al display del player, dove appaiono le informazioni di stato, del brano in riproduzione, ecc.), che è tornato ad avere l’aspetto ‘lucido’ inaugurato, se non erro, in iTunes 5 e che era tornato progressivamente opaco nelle versioni successive fino alla 8.

Anche la barra di progresso ha subito il trattamento 3D, ed è stata leggermente abbassata. La differenza cromatica fra il ‘pieno’ e il ‘vuoto’ però, almeno ai miei occhi, è piuttosto sottile, e finisce con l’essere meno immediata a una rapida lettura. Ecco un confronto:

iTunes 8: barra di progresso in attesa.

iTunes 8: barra di progresso in attesa.

iTunes 8: barra di progresso durante un'operazione.

iTunes 8: barra di progresso durante un’operazione.

La barra di progresso 'tridimensionale' di iTunes 9.

La barra di progresso ‘tridimensionale’ di iTunes 9.

Nella barra di progresso di iTunes 8, un semplice effetto gradiente, il contrasto fra il ‘pieno’ e il ‘vuoto’ è maggiore, e unito all’opacità del pannello centrale, offre a mio parere un risultato più leggibile.

Invece, una piccola miglioria che riguarda il pannello centrale è che adesso presenta più informazioni di stato, e che nella linea superiore i caratteri compaiono in grassetto, il che contribuisce alla leggibilità. Nella figura è visibile il pannello centrale mentre stavo scaricando l’aggiornamento del software di iPhone: nelle versioni precedenti di iTunes, quando si effettuava un download da iTunes Store, se non vado errato, non compariva nulla nel pannello centrale: il download in corso era segnalato da due freccette rotanti accanto alla voce Download nella barra laterale, e per vederne il progresso era necessario selezionare la voce Download. Ora quel che sta facendo iTunes appare nel pannello centrale, con tanto di segnalazione del tempo rimanente.

Ora il pannello centrale mostra più informazioni sullo stato di un'operazione.

Ora il pannello centrale mostra più informazioni sullo stato di un’operazione.

Ora lo sfondo in vista come griglia (sia per gli album che per le applicazioni iPhone/iPod) è bianco invece che nero lucido. Scelta che apprezzo poco: i Mac attuali hanno tutti schermi molto brillanti, e tutto quel bianco non è affatto riposante per la (mia) vista, a lungo andare. È comunque una questione soggettiva — c’è chi ha problemi a leggere un testo chiaro su fondo nero. Invece un cambiamento che trovo abbastanza azzeccato è il passaggio da Lucida Grande a Helvetica come font per le informazioni di Artista e Album, sia nella libreria musicale, sia nelle Applicazioni, sia nell’iTunes Store, così come nelle finestre di dialogo all’interno della finestra principale di iTunes. L’introduzione di Helvetica, font sobrio e leggibile, ha permesso di rimpicciolire leggermente le dimensioni dei caratteri utilizzati per le informazioni, e di conseguenza certi titoli un po’ lunghi si possono leggere nella loro interezza (o, se troncati, è possibile leggere più parole di prima).

iTunes 9: vista come griglia degli album nella mia libreria musicale.

iTunes 9: vista come griglia degli album nella mia libreria musicale.

La vista come griglia con sfondo scuro in iTunes 8.

La vista come griglia, con sfondo scuro, in iTunes 8.

L’intero aspetto di iTunes Store è stato rivisto, anche qui cercando di privilegiare la chiarezza e la facilità di navigazione. Sotto questo aspetto l’introduzione del menu permanente nella parte superiore della finestra di iTunes Store è un’ottima cosa, in quanto permette di saltare rapidamente da un genere all’altro ed è sempre sottomano per esplorare parti diverse dello Store con un clic. Anche qui, come ho già detto, sfondo bianco ed Helvetica come font di default. Scompare il Carrello Acquisti, ma ora viene introdotta la possibilità di aggiungere il prodotto che interessa in una ‘lista dei desideri’ (finalmente), nonché copiare il link al prodotto, inviarne una segnalazione per email, e condividerlo su Facebook e/o Twitter.

Da vari segnali captati sulla rete, ho avuto conferma a un sospetto che mi era venuto notando la maggiore velocità di rendering dei contenuti di iTunes Store: iTunes 9 utilizza WebKit per visualizzarli. Nelle versioni precedenti, come fa notare John Gruber, veniva utilizzato un motore di rendering personalizzato e il markup era un tipo di XML proprietario molto diverso da HTML. Lo Store su iTunes 9 viene codificato in HTML e disegnato con WebKit (non l’App Store, però, che è rimasto al vecchio XML).

È inoltre interessante notare che, se non si effettua l’aggiornamento a iTunes 9 e si rimane con iTunes 8.2.1, accedendo allo Store non si noterà alcun cambiamento (sfondo scuro e organizzazione dei contenuti), questo a indicare che le modifiche al design dello Store dipendono strettamente dalle capacità del ‘browser’ (ossia iTunes) di visualizzarle, e non sono a sé stanti.

La pagina principale di iTunes Store in iTunes 9.

La pagina principale di iTunes Store in iTunes 9. 

La pagina principale di iTunes Store in iTunes 8.

La pagina principale di iTunes Store in iTunes 8.

Altre scelte relative all’interfaccia grafica e all’interfaccia utente che ho apprezzato:

- La nuova vista Browser: ora si può scegliere se avere il Browser in alto, come sempre, oppure a sinistra, che trovo particolarmente comoda quando si ha molta musica, per visualizzare i dischi di un certo artista a colpo d’occhio.

- Se non si possiedono contenuti multimediali di un certo tipo (per esempio musica, film, programmi TV, ecc.), iTunes non visualizza più una lista vuota. Viene invece mostrata una schermata che spiega come ottenere quel certo tipo di contenuti (nel caso della musica, comprarla da iTunes Store o importarla dai propri CD) con tanto di link diretti a iTunes Store e a video dimostrativi. È un accorgimento certamente più elegante.

- Il comportamento del pulsantino verde adesso finalmente fa quel che deve fare, ossia ridimensionare la finestra del programma, coerentemente con tutte le altre applicazioni Mac. Per ottenere il mini-player come in precedenza occorrerà premere Opzione mentre si fa clic sul pulsante verde. Finalmente. Finalmente.

2. Gestione di iPhone e iPod touch

Per quanto riguarda questo ambito, per ora non ho visto che miglioramenti. Adesso nella sezione Applicazioni, le applicazioni comprate nell’App Store possono essere visualizzate in vista come elenco, come griglia o Cover Flow. La vista elenco, senza icone, è particolarmente utile per chi ha scaricato e possiede un gran numero di applicazioni. Quando ci si trova in questa vista, è possibile ordinare l’elenco per Sviluppatore/Rivenditore, data di aggiunta, data di modifica, genere, tipo, data di acquisto, data di rilascio, dimensione e anno.

L’innovazione più notevole è però la possibilità di organizzare le applicazioni installate su iPhone e iPod touch direttamente da dentro iTunes. Quando iPhone è collegato, compaiono infatti tutte le pagine con le applicazioni installate: la pagina su cui si sta operando viene visualizzata in primo piano, le altre appaiono come miniature sulla destra. Qui si possono fare con tutta comodità quelle operazioni che si facevano direttamente col dito sul dispositivo in maniera più difficoltosa: è possibile rimuovere un’applicazione o spostarla in una nuova posizione o in un’altra pagina. Ma da iTunes ora è possibile selezionare e spostare più applicazioni, e anche selezionare un’intera pagina e cambiarne l’ordine sul dispositivo (utile se magari ci accorgiamo di usare sempre più di rado varie applicazioni sulla seconda pagina: così possiamo prendere l’intera pagina e metterla in fondo). Sulla sinistra della finestra compare una lista delle applicazioni scaricate dall’App Store: ogni voce mostra l’icona, il nome, la categoria e la dimensione dell’applicazione. In questo elenco si possono selezionare le applicazioni da sincronizzare e quelle che si vogliono togliere dal dispositivo: basta attivare/disattivare il segno di spunta. Inoltre l’elenco può essere ordinato per nome, categoria o data in cui si è scaricata l’applicazione.

Secondo me solo per il fatto di avere questa comodità aggiunta nella gestione di iPhone e iPod touch, l’aggiornamento a iTunes 9 è d’obbligo. Occorre specificare che per usufruire di questa novità è necessario aggiornare il software di iPhone e iPod touch alla versione 3.1, altrimenti non funzionerà.

[Fine prima parte] 

Category Mele e appunti Tags ,

About Riccardo Mori

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!