iTunes 9 (seconda parte)

[Link alla Prima Parte]

3. Nuova gestione dei contenuti

In iTunes 9 è anche migliorata la gestione dei contenuti da sincronizzare fra il Mac e iPhone/iPod. Adesso la sezione ‘Musica’ permette di scegliere qualsiasi tipo di playlist (anche quelle create da Genius e i Mix Genius) e in più specificare un certo artista e/o genere. Perciò è possibile, per esempio, sincronizzare le nostre due playlist preferite più tutta la musica di un determinato artista, più tutti i brani raccolti sotto la categoria ‘Jazz’.

(Purtroppo le opzioni per Apple TV non sono così versatili. Sono state implementate le nuove opzioni di sincronizzazione delle foto, ed è possibile sincronizzare playlist che contengono film e spettacoli TV, ma le opzioni per sincronizzare podcast e musica rimangono inalterate).

Riorganizzazione della libreria — iTunes 9 introduce due nuove funzioni di gestione dei contenuti sul Mac.
1. Per gli utenti di versioni anteriori di iTunes ora esiste la possibilità di riorganizzare i media iTunes nel Finder. Scegliere Archivio > Libreria > Organizza Libreria e poi selezionare Aggiorna all’organizzazione di iTunes Media. In questo modo iTunes riorganizzerà la cartella iTunes Music in una nuova cartella iTunes Media con sottocartelle per Filmati, Musica, Podcast, ecc. Per chi installa iTunes 9 fresco fresco o crea una nuova libreria con iTunes 9, questa sarà l’organizzazione di default delle varie cartelle.
2. All’interno della cartella iTunes Music (o iTunes Media), iTunes 9 crea una cartella speciale chiamata Aggiungi automaticamente a iTunes. I file musicali o multimediali copiati in questa cartella verranno automaticamente importati nella Libreria di iTunes. Di primo acchito sembra una bella idea, ma questo articolo di Aayush Arya su Macworld.com mette in luce alcune limitazioni che per alcuni possono essere decisamente fastidiose:

Tanto per cominciare, l’elenco dei formati di file supportati da iTunes, specialmente nel settore video, è assolutamente risibile. Potete stare certi che se il video è stato scaricato da Internet, non sarà supportato da iTunes. In tal caso, iTunes lo sposterà in una sottocartella Non aggiunto all’interno della cartella Aggiungi automaticamente a iTunes. Ma questo c’è da aspettarselo, perché iTunes non ha mai supportato una gran varietà di formati. Ma esistono altri problemi.

Quando gli utenti hanno richiesto un’opzione per fare in modo che iTunes puntasse a una cartella, in realtà intendevano qualsiasi cartella. Apple, invece, ha creato una cartella prestabilita per tale compito e non ha offerto alcuna opzione per cambiarne la posizione. Pertanto, se avete una vasta collezione di materiale media nella cartella Filmati o in un disco esterno che contiene file che vorreste aggiungere automaticamente a iTunes, dovrete in ogni caso spostarli manualmente in quella cartella specifica. E a quel punto, dov’è l’utilità? Basta trascinarli sull’icona di iTunes nel Dock e il gioco è fatto.

Beh, direte, si potrebbe utilizzare la cartella Aggiungi automaticamente a iTunes come cartella primaria per i filmati, magari addirittura spostarla in un’altra posizione e lasciare al suo posto un alias per mantenere il collegamento. Ma il trucchetto non funzionerà: non solo iTunes non accetta nulla se la cartella viene spostata, ma la presenza dell’alias impedirà a iTunes di creare una nuova versione di tale cartella.

E quando iTunes aggiunge davvero i file media inseriti nella cartella Aggiungi automaticamente a iTunes, li sposta nella sua propria cartella media e li organizza come al solito, anche se avete disattivato l’opzione Mantieni organizzata la cartella iTunes Media nel pannello Avanzate delle preferenze di iTunes. […]

Infine un’altra novità gradita di iTunes 9 riguarda le playlist speciali: sono stati aggiunti, infatti, ulteriori criteri nidificati per la definizione di playlist speciali, il che aumenta senza dubbio la versatilità su questo fronte.

4. Condivisione in Famiglia

Quest’altra innovazione estende leggermente una funzione già nota e disponibile in iTunes 8 e precedenti, ossia la possibilità di ascoltare musica di altri utenti che hanno deciso di condividere le loro librerie iTunes in rete (locale). Condivisione in Famiglia permette anche la copia di brani e contenuti media da una libreria all’altra. Ovviamente ci sono delle condizioni: le librerie in questione devono appartenere a dei Mac tutti autorizzati dal medesimo account iTunes (quindi fino a un massimo di cinque). Condivisione in Famiglia si attiva selezionando Avanzate > Attiva Condivisione in Famiglia. Occorrerà quindi autenticarsi con il proprio account iTunes e, nel caso, autorizzare i vari Mac destinati all’eventuale scambio di dati musicali (si va in Store > Autorizza computer).

Con Condivisione in Famiglia non solo è possibile copiare musica, ma anche video, audiolibri, persino applicazioni iPhone. Questo mi è comodo per copiare velocemente contenuti fra i miei Mac utilizzando il mio account, ma le cose possono diventare un po’ confuse se, per esempio, faccio rientrare in Condivisione in Famiglia il computer di mia moglie. Se io, usando il mio account, autorizzo il portatile di Carmen potrò certamente copiare nella mia libreria brani e altri contenuti presenti nella sua, ma nel caso di applicazioni acquistate nell’App Store, per poterle utilizzare il mio Mac dovrà essere uno dei cinque autorizzati dall’account iTunes di Carmen.

Confusioni a parte, Condivisione in Famiglia è una novità benvenuta e una indubbia comodità per copiare senza problemi musica da un Mac all’altro e anche per mantenere sincronizzata una libreria musicale attraverso vari Mac.

5. Genius estende il suo raggio d’azione

La tecnologia Genius è stata introdotta un anno fa insieme al lancio di iTunes 8. Com’è noto, Genius è in grado di darci consigli per gli acquisti nello Store, oppure può creare playlist partendo da un brano di riferimento e scegliendo da 25 a 100 brani che si possono armonizzare con tale brano di partenza da noi indicato. Il meccanismo che sta dietro è matematico/statistico e non certo magico. Attivando Genius sul nostro Mac, diamo il consenso ad Apple di estrarre (in modo anonimo) le informazioni della nostra libreria. Queste informazioni (artisti, album, frequenza d’ascolto dei brani, ecc.) vengono raccolte e confrontate con quelle di milioni di altri utenti. Da questo confronto Genius può stabilire certe affinità di gusti musicali. Ovviamente, maggiore è il numero di dati raccolti, più raffinato e preciso sarà l’operato di Genius. Jobs, durante l’evento del 9 settembre, ha reso noto che finora Apple ha raccolto dati per oltre 54 miliardi di brani. E infatti a volte Genius è impressionante davvero nel realizzare ottime playlist e nel dare suggerimenti di acquisto.

Visto che ormai è diventato bravo a fare il suo lavoro, con iTunes 9 Genius ora crea anche dei mix. Per ottenere un Mix Genius non è necessario indicargli una canzone di riferimento. I mix vengono creati automaticamente: Genius passa in rassegna tutta la nostra libreria e crea intere raccolte divise per genere. Il numero di queste raccolte e la loro lunghezza variano a seconda di quanti brani compongono la nostra libreria e della varietà di generi che ascoltiamo. A me, che ho una discreta quantità di brani, Genius ha creato il numero massimo di 12 mix. Se si possiede molta musica di un certo genere (per esempio Rock o Jazz), Genius creerà più di un mix basato su quel genere (e li chiamerà Jazz Mix, Jazz Mix 2, e così via).

I Mix Genius sono entità imperscrutabili, però. Non è possibile modificarli, né vedere di quali brani sono composti, e nemmeno eliminare quei mix che non gradiamo. A me tutto sommato sta bene così — se voglio mettere il becco nell’operato di Genius, gli faccio fare le playlist come al solito, indicandogli un certo brano e via; e se non mi piace il risultato, cancello la playlist e ne faccio creare un’altra. Credo che tale impenetrabilità dei Mix Genius venga considerata da Apple come una feature, non un bug. Così come ci lasciamo sorprendere dai mix che creano i bravi DJ, lasciamo che Genius ci sorprenda con i suoi mix. Questa, almeno, mi pare la logica che sta dietro alla nuova funzione.

I dodici mix che Genius ha creato con la mia libreria musicale. Il primo in alto a sinistra è in riproduzione.

I dodici mix che Genius ha creato con la mia libreria musicale. Il primo in alto a sinistra è in riproduzione.

Nota: la sezione ‘Mix Genius’ dovrebbe apparire nella barra laterale di iTunes sotto a ‘Genius’ nella sezione Genius. Se non la vedete dopo l’aggiornamento a iTunes 9, selezionate Store > Aggiorna Genius e, al termine dell’operazione, ‘Mix Genius’ dovrebbe apparire regolarmente.

[Fine seconda parte]

[Le informazioni contenute in queste due parti dell’articolo sono tratte dalla bella recensione di Dan Frakes e dal già menzionato articolo di Aayush Arya].

Category Mele e appunti Tags ,

About Riccardo Mori

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!