Cuil prodest?

Mele e appunti

La notizia ha già fatto il giro della Rete: un’ex dipendente di Google, Anna Patterson, suo marito Tom Costello, e un altro ex dipendente, Russell Power, hanno fondato Cuil (da pronunciarsi: “cool”), un nuovo motore di ricerca che vuole entrare in competizione con Google. Idea coraggiosa, senza dubbio. Come fa notare Rory Cellan-Jones nel suo articolo, l’atteggiamento competitivo traspira anche dalle FAQ:

D: Quali informazioni conservate sul mio conto?
R: Nessuna. Analizziamo il Web, non i suoi utenti. Leggete la nostra Policy sulla privacy per ulteriori informazioni. È corta.

È ovvio che l’impresa è appena partita, per cui non c’è granché da commentare. Qualche veloce considerazione a caldo:

1. L’interfaccia mi piace. Si ispira evidentemente a Google: il nome del motore di ricerca è in grande, sopra il campo di testo per immettere la ricerca, presenza estremamente contenuta di link, pagina spoglia. Trovo indovinata la scelta dei colori; i miei occhi ringraziano per lo sfondo nero e i colori freddi.

2. Anche la pagina dei risultati è graficamente interessante, così come è piacevole l’idea di incorporare immagini correlate ai risultati, il tutto in un layout che ricorda vagamente un giornale. La possibilità di esplorare per categorie è un’altra idea che ha potenziale. C’è del buono, insomma.

3. Purtroppo le ricerche lasciano ancora a desiderare; i server di Cuil, forse per l’improvvisa attenzione da parte del pubblico, hanno faticato non poco a gestire le richieste. Più volte mi è capitata la pagina “Nessun risultato trovato per …” o “Il motore di ricerca non è al momento disponibile…”, ecc. Per competere con Google ci vuole ben altro. Un motore di ricerca deve fare essenzialmente una cosa: rispondere con rapidità e completezza alle richieste dell’utenza. Google è insuperato su questo campo, direi anche insuperabile. Cuil parte male: se i risultati di una ricerca non ci sono, sono evidentemente incompleti, o i server non ce la fanno a gestire il traffico, un utente non ha interesse a ritornare. Mai come in questo difficile settore è fondamentale la prima impressione.

4. E parlando di prima impressione, che razza di nome è “Cuil”? La pronuncia non è intuitiva: se non avessi letto che va pronunciato cool, mai lo avrei pensato. Non sono un madrelingua inglese, ma suppongo che anche per gli anglofoni non vi sia immediatezza. Ho fatto leggere “cuil” ad Alex, la voce sintetizzata di Mac OS X, e lo ha pronunciato kii-ul. Sembra una sciocchezza, ma il nome è importante. Google è immediato, ha un suono divertente, si ricorda facilmente, e ormai è stato integrato nel vocabolario inglese come vero e proprio verbo (to Google — cercatelo nel Dizionario Oxford di Mac OS X).

Insomma, per adesso Cuil è un motore di ricerca… diesel. Faccio comunque tanti auguri ai fondatori e ne ammiro il coraggio.

The Author

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!

7 Comments

  1. LaNberto says

    pre che il nome venga dal gaelico, ma non ricordo cosa significhi

  2. Cuil in gaelico ha vari significati; come sostantivo, può voler dire mosca, o malumore (tá cuil air = egli è arrabbiato); oppure angolo, cantuccio.

    Una scelta curiosa, senza dubbio.

    Ciao!
    Riccardo

  3. Dopo tanti anni di Google, ogni antagonista deve essere perfetto sin dall’inizio; e questo mi sembra folle.
    Una valida alternativa alla creatura di Mountain View non può che essere salutata con piacere.
    Diamogli tempo, crescerà, imparerà dagli errori…

  4. Marco — Essere perfetto no, ma funzionare decentemente sì. È chi ha fondato Cuil che ha ‘lanciato la sfida’ a Google. E io ne approvo l’ardire, ci mancherebbe. E gli dò pure tempo, perché sono curioso. Ma l’ambito dei motori di ricerca è territorio spietato, e se Cuil vuole rubare utenza a Google deve convincere un pochino sin dall’inizio, soprattutto sfruttando l’onda pubblicitaria del momento. Altrimenti non lo si mette nemmeno nei bookmark, si continua a usare Google, e Cuil finisce nel dimenticatoio.

    Detto questo, ben vengano le alternative. Io ogni tanto uso Ask.com, che è interessante perché accetta stringhe di ricerca in linguaggio naturale (come “When was Napoleon born?”). Spero che Cuil riesca a irrobustirsi e a caratterizzarsi.

    Ciao e grazie del commento,
    Riccardo

  5. L’ho riprovato a distanza di mesi rileggendo il tuo blog (stamattina sto scorrendo tutto il 2008 :-D) …

    I risultati delle ricerche sia col mio nickname che col mio nome reale restituiscono si contenuti attinenti alla mia persona, ma la predominanza di risultati su Jaiku, Pownce, Twitter ed altri social networks mette in settantaquattresimo piano ogni altro mio ‘scritto’ sul web … che non è poca roba …

  6. kOoLiNuS: E intanto leggo su Macworld USA che Google viene sempre più usato negli Stati Uniti. In ottobre la percentuale di ricerche Web fatta con Google è salita al 71,7% (nell’ottobre 2007 era al 64,5%). Mica male…

    Ciao!
    Riccardo

  7. beh, basta provare a cercare qualcosa con altri motori di ricerca e si vede come alla base di tutto il mondo ‘G’ ci sia il rapporto di hit significative con le proprie chiavi di ricerca rispetto al resto del mondo .…

    forse forse ‘torna’ qualcosa di più preciso solo una ricerca in del.icio.us, ma non è una cosa correntemente alla portata di tutti !

Comments are closed.