Il Vecchio Mondo e il Nuovo Mondo dell'informatica

Mele e appunti

Un po’ sopraffatto dal marasma di sciocchezze lette e sentite all’indomani dell’introduzione di iPad, ho trovato rifugio e conforto in alcuni pezzi interessanti. Mi ha colpito in particolar modo la lunga riflessione di Steven Frank (uno dei fondatori di Panic), che a differenza di altri interventi tutti prevedibilmente focalizzati sull’oggetto iPad, si concentra maggiormente sul ruolo che dispositivi come iPhone, iPod touch e ora iPad, possano avere sull’evoluzione dell’informatica personale negli anni a venire. Mentre meditavo sull’impatto di iPad, sono arrivato a considerazioni molto simili alle sue, e per questo voglio proporre la traduzione integrale del suo contributo. Come per il post precedente, vi chiedo di avere pazienza e di leggere con calma; a mio parere sono riflessioni che meritano considerazione.

Devo parlarvi di computer. L’annuncio di iPad ha avuto un certo impatto su di me, è stato qualcosa di simile all’effetto delle montagne russe, e ho cercato di non scrivere nulla in merito fino a quando non avessi almeno un indizio su che cosa stava alla base di quella reazione.

Prima di tutto devo ricordare che su questo blog parlo esclusivamente a titolo personale e il mio punto di vista non riflette necessariamente quello della mia azienda o dei miei colleghi di lavoro.

Il fatto è che parlare di uno specifico hardware (come iPad o iPhone o il Nexus One o il Droid) significa non capire il punto che sto cercando di dimostrare. È una cosa molto più importante di porte USB, moduli GPS o fotocamere frontali. O gigabyte, gigahertz, megapixel, risoluzione dello schermo, dimensioni fisiche, form factor; insomma, lo hardware in generale, tutte queste cose sono irrilevanti in questa trattazione. Pertanto cercherò di evitare del tutto di parlare di questo genere di specifiche.

Stabiliamo invece alcuni termini nuovi: Old World e New World computing, ossia rispettivamente Informatica del Vecchio Mondo e Informatica del Nuovo Mondo.

Introduzione

Il personal computing, ovvero l’informatica personale (avere un computer in casa vostra o in tasca) come fenomeno generale è giovane. Per come lo conosciamo oggi, ha meno di mezzo secolo. È più giovane della TV, della radio, delle auto e degli aerei; è più giovane di molte persone, infatti.

In quell’intervallo di tempo così breve siamo passati da macchine che leggevano schede perforate, a terminali interattivi a linea di comando, a interfacce con mouse e finestre; ognuno di questi stadi ha rappresentato un cambio di paradigma. Molte persone ragionevoli, la maggioranza delle quali sono blogger, osservano questa storia e dicono “Guardate che progresso! Di sicuro l’interfaccia composta da scrivania + finestre + puntatore del mouse non può essere l’apice evolutivo — che cosa verrà dopo?”

Quel ‘dopo’ è arrivato, ed era talmente irriconoscibile per molti di loro (me compreso) che tutti lo abbiamo guardato e ci siamo chiesti “E questo che cazzo è?”

Il Vecchio Mondo

Nel Vecchio Mondo i computer sono macchine polivalenti, che fanno di tutto. Sono in grado di occuparsi di centinaia di migliaia di compiti, a volte tutti allo stesso tempo. Li acquistiamo per pochi soldi, li riempiamo di tutto il software che ci pare, e poi la paghiamo cara: instabilità, degrado delle prestazioni, virus, e curve di apprendimento ripide. I computer del Vecchio Mondo possono fare praticamente di tutto, ma si portano appresso il fardello di 30 anni di cambiamenti rapidi e non pianificati. Tutte le macchine Windows, Linux e Mac OS X rientrano in questa categoria.

Il Nuovo Mondo

Nel Nuovo Mondo i computer si focalizzano sui compiti. Leggiamo le email, navighiamo il Web, ci divertiamo con un gioco, ma non facciamo tutto contemporaneamente. Le applicazioni sono distinte, a compartimenti stagni, molto stagni. Di conseguenza i computer del Nuovo Mondo non hanno bisogno di antivirus, le loro batterie durano di più, vanno in crash assai di rado; ma i loro utilizzatori hanno perduto un certo grado di libertà. I computer del Nuovo Mondo presentano una facilità d’uso senza precedenti, e si avvantaggiano di decenni di ricerca in ambito di interazione uomo-macchina. Sono immediatamente comprensibili, veloci, stabili, e assolutamente concentrati sull’80% della famosa regola dell’80/20.

Il Nuovo Mondo è migliore del Vecchio Mondo? Nulla è mai solo bianco o solo nero.

I Floppy Disk

Un aneddoto: quando venne presentato il primo iMac, Apple tracciò una linea nella sabbia, e disse: d’ora in avanti non produrremo più un computer dotato di lettore di floppy. L’intera industria se la fece nei pantaloni così tanto e così fragorosamente che forse la reazione si avvertì persino nello spazio profondo.

Ma siete pazzi? Ho speso tutti questi soldi per un lettore di floppy! Tutto il mio software si trova su dischetti floppy! È un suicidio! Nessuno vi seguirà, nessuno sopporterà l’affronto!

Avanti veloce fino a oggi — Non mi viene in mente una sola cosa utile fattibile con un floppy disk. Posso andare al supermercato e comprare un CD, un DVD, o una chiavetta USB che è più veloce, più piccola e conserva dati per una quantità mille volte superiore, e generalmente costa meno di quanto costava ai tempi una scatola di floppy. O, ancora meglio, possiamo semplicemente passarci i dati attraverso la rete.

Per arrivare dove siamo adesso, certo, abbiamo dovuto buttare parte del nostro investimento in hardware. Abbiamo dovuto riorganizzarci. È stato necessario adattamento e un po’ di sacrificio. Il risultato finale — e credo che su questo siamo tutti d’accordo a prescindere dalla piattaforma che utilizziamo — è di vari ordini di grandezza più comodo, pratico, facile da usare, e commisurato alle capacità di immagazzinamento di informazioni oggi necessarie.

Rimanere ancorati ai floppy ci avrebbe risparmiato la scomodità di tale transizione, ma a che prezzo sul lungo termine?

Niente è mai solo bianco o solo nero. Intraprendere quella transizione aveva un costo, ma anche un beneficio.

Cambiare non era del tutto una buona cosa. Rimanere fermi non era del tutto qualcosa di sbagliato. Ma vi era un rapporto giusto/sbagliato tale che, alla lunga, si è dimostrato vantaggioso per tutti. Nell’immediato sembrava così insormontabile, così assurdo, che molte persone solitamente intelligenti lo ritenevano inconcepibile.

Per essere una specie notoriamente adattabile all’ambiente in cui si trova, noi umani siamo davvero refrattari al cambiamento. Specialmente quel tipo di cambiamento che ha a che vedere con lo spendere denaro.

Le automobili

Per la sua analogia, John Gruber ha usato l’esempio del tipo di trasmissione delle automobili, che è appropriato. Quando ho imparato a guidare, mio padre insisteva che imparassi su un’auto con cambio manuale, così sarei stato in grado di guidare qualsiasi veicolo. Credo sia stata una cosa saggia e utile.

Ma pur avendo imparato in quel modo, oggi guido una macchina col cambio automatico. Niente è mai bianco o nero: forse sacrifico un po’ di efficienza nei consumi e un certo livello di controllo dell’auto in situazioni avverse che in genere non incontro mai. In cambio, il mio cervello è libero di concentrarsi sulla strada davanti a me, sul luogo che intendo raggiungere, sul modo di evitare ostacoli (strategia), non su dettagli come la scelta del miglior rapporto di marcia possibile (tattica).

Un cambio manuale è migliore di uno automatico? No. Un cambio automatico è migliore di uno manuale? No. Non è questo il punto. Una domanda più consona: una strada popolata di conducenti che non sono distratti dagli arcani meccanismi di funzionamento delle loro auto, è più sicura? Probabilmente sì. E ciò ha un valore. Forse un valore che supera in importanza il valore offerto da un cambio manuale se lo estendiamo a tutti i conducenti di un veicolo su scala mondiale.

Cambio della guardia

Quando penso alla fascia d’età delle persone che rientrano nella categoria dell’Informatica del Vecchio Mondo, il grafico è grosso modo una curva a campana con la Generazione X (ehilà!) posizionata all’incirca nel centro. Per me è qualcosa di estremamente affascinante: gli utenti del Vecchio Mondo sono circondati da utenti del Nuovo Mondo che sono sia più giovani che più anziani di loro.

Alcuni miei parenti di una certa età hanno ricevuto ultimamente dei cellulari del Nuovo Mondo. Ho visto mentre scaricavano di loro spontanea volontà decine di applicazioni — un’operazione che avrebbe trasformato qualsiasi altro telefono in un aggeggio lento, dal crash facile, e succhia-batterie. Ma così non è stato. Non vengo più chiamato per offrire assistenza per questi dispositivi, perché il loro utilizzo si spiega da solo, l’interfaccia è intuitiva, e di solito le cose non vanno a rotoli come accadeva sui loro dispositivi del Vecchio Mondo.

Gli utenti del Nuovo Mondo non hanno motivo di usare cautela quando si tratta di riempire di applicazioni il loro dispositivo. Perché dovrebbe guastarsi qualcosa? Noi utenti del Vecchio Mondo, invece, siamo stati intimiditi al punto che per noi un’operazione del genere porterà sicuramente dei problemi. E ci stupiamo quando tutto va bene.

Ma il Nuovo Mondo spaventa a morte moltissimi utenti del Vecchio Mondo. Perché avviene una cosa del genere?

Le esigenze di una minoranza

Quando venne introdotto iPhone, me ne innamorai all’istante, ma la mancanza di un SDK mi frustrava. Quando venne introdotto lo SDK fui contentissimo, ma il processo di approvazione delle applicazioni da parte di Apple mi frustrava. Quando tutta una serie di problematiche di alto profilo è andata accumulandosi, come è noto, mi sfogai e mi scagliai contro l’intera situazione proprio qui sul mio blog. Annunciai l’inizio del mio boicottaggio dei dispositivi basati su iPhone finché non fossero avvenuti dei sostanziali cambiamenti e sicuramente, sicuramente non avrei mai acquistato altri prodotti basati su iPhone in futuro. Passai ad altri dispositivi, tutti un po’ più amichevoli nei confronti dell’utenza del Vecchio Mondo.

Il tutto è durato un mese.

Malgrado fossi estremamente frustrato dalle restrizioni, proprio quelle stesse restrizioni rendevano quel dispositivo del Nuovo Mondo una macchina dalle grandi prestazioni, estremamente stabile e affidabile; un dispositivo che non mi intralciava e mi permetteva di portare a compimento le mie cose.

Niente è mai solo bianco o nero.

Gli utenti del Vecchio Mondo sono particolarmente sensibili verso certi aspetti assolutamente non problematici per gli utenti del Nuovo Mondo. Abbiamo conosciuto i computer partendo dalle interiora. Molti di noi si sono appassionati ai computer esattamente perché si potevano modificare, erano aperti e senza restrizioni. Ci preoccupa che questi dispositivi del Nuovo Mondo possano soffocare, impedire la crescita di una prossima generazione di programmatori. Ma qualcuno può provare che tutto questo stia veramente succedendo? Non so voi, ma io mi guardo intorno e non ho mai visto così tante persone portarsi appresso dei computer palmari come in questo momento. Se anche una piccola percentuale di queste persone è interessata minimamente al funzionamento intrinseco di tali aggeggi, allora avremo eccome una nuova generazione di programmatori.

Il motivo per cui sto cominciando a pensare che il Vecchio Mondo sia destinato a soccombere è perché siamo circoscritti da entrambi i lati dal Nuovo Mondo, e quelle persone nate oggi, post-iPhone e post-iPad, non sapranno mai (e forse non gliene importerà nulla) come funzionavano le cose una volta. Proprio come adesso a nessuno importa nulla dei floppy, e nessuno è costretto a sapere come funziona un cambio manuale, se non vuole saperlo.

Se sommiamo tutti quelli più vecchi dell’inizio dell’Informatica del Vecchio Mondo, e ogni individuo che ancora deve nascere, otterremo una quantità di persone nettamente superiore a quanti ora rappresentano il Vecchio Mondo informatico.

E per tutta quella quantità di persone, secondo voi, che cosa sarà più importante? Un dispositivo facile da usare e a prova di crash, oppure un intrico complesso di barre strumenti, menu e finestre perché è questo che sostiene un’oligarchia di software totalmente fossilizzata nel proprio modello?

Cari compagni del Vecchio Mondo, mi duole dirvelo, ma siamo una minoranza. La questione non è “sparirà la metafora della scrivania?”. La questione è “perché la metafora della scrivania ci ha messo tutto questo tempo a sparire?”

Ma… ma io sono un professionista!

Questo è un bel giocattolo per i novizi, ma come diamine posso usarlo per farci del lavoro SERIO? Dopotutto sono un UTENTE MEGA PRO ESPERTO! A ME SERVONO ASSOLUTAMENTE LE BARRE STRUMENTI, LE FINESTRE, E…

OK, fermiamoci un istante.

Innanzi tutto, stabilirei la nascita dell’Informatica del Nuovo Mondo al 2007, con l’introduzione di iPhone. Si potrebbe, volendo, farla iniziare un poco più indietro, con la nascita delle prime applicazioni “Web 2.0” al principio degli anni 2000. Ma in ogni caso si tratta di un fenomeno nuovissimo. Se i computer in generale sono giovani, l’Informatica del Nuovo Mondo è appena uscita dal grembo.

Ha davanti a sé un certo periodo di sviluppo e crescita.

Vi esorto a guardare alla questione in termini di quel che volete davvero ottenere e non secondo le modalità con cui eravate abituati a operare.

Facciamo un esempio banalissimo: diciamo che mi occupo di video digitale, e ho la necessità di codificare enormi quantità di dati video in qualche formato avanzato, e inviare il tutto a qualche server altrove. Non potrei mai farlo su un iPad! Giusto?

Beh, no, oggi probabilmente no. Ma sarebbe possibile farlo su un futuro computer del Nuovo Mondo?

Ricordatevi che l’hardware è un non problema: le memorie flash cresceranno fino a memorizzare terabyte di dati. I processori continueranno a moltiplicare in potenza, come hanno sempre fatto. Schermi, batterie, tutto migliorerà dandogli abbastanza tempo.

Per come la vedo io, molte di queste situazioni in stile “MA IO SONO UN ESPERTO!” possono essere risolte effettuando poche modifiche essenziali:

  • Un modo gestito di spostare i processi in background. Gli utenti del Nuovo Mondo stanno già sperimentando i benefici dell’incremento prestazionale e di autonomia della batteria offerti dall’incapacità di eseguire un task in background. Intanto gli utenti del Vecchio Mondo si stanno strappando i capelli. NON POSSO FARE MULTITASKING, giusto? Ritengo che debba esistere un ragionevole punto medio. Magari i processi potrebbero richiedere degli intervalli in background al sistema operativo. Magari un utente può attivare/disattivare la possibilità di far girare processi in background. Non so. Ma credo che possa esserci una situazione intermedia che non sacrifica quel che abbiamo guadagnato finora a scapito di parte della flessibilità a cui eravamo abituati.
  • Un modo per scambiare informazioni con altri dispositivi. I dispositivi del Nuovo Mondo si imparano facilmente e sono molto usabili perché non espongono il filesystem agli utenti e perché sono delle “isole di dati”. Non stiamo lavorando più con ‘file’ ma stiamo ancora lavorando con grumi di dati che sarebbe importante poter scambiare e condividere. Forse è la rete il fattore vincente qui. O magari unità flash di cui non vediamo i contenuti. Per quanto ne so, il Newton è stato il primo dispositivo in commercio al quale bastava dire “metti questa applicazione e tutti i dati che ho creato con essa su questa scheda rimovibile” senza mai vedere un singolo file o cartella. Il grosso tallone di Achille era che solo altri Newton potevano comprenderne il formato.
  • Un modo per condividere dati fra le applicazioni. Un qualcosa come la Clipboard, il blocco appunti, ma più grande. Non si tratta di un filesystem, ma di un modo per dire “porta questo oggetto dati da questa applicazione a quest’altra”. Ho creato un’illustrazione nella mia applicazione di disegno, e ora voglio passarla a quest’altra applicazione per ritagliarla e applicare filtri.

Solo affrontando queste tre problematiche (e ammetto che non si tratta di un’impresa semplice), credo che anche i compiti più raffinati e specializzati possano essere alla portata di un dispositivo del Nuovo Mondo.

Una scommessa sul futuro

Apple definisce iPad una ‘terza categoria’ che sta fra i telefoni e i computer portatili. Sono sempre più dell’idea che è soltanto una maniera per renderlo appetibile al pubblico durante la transizione alla ideologia del Nuovo Mondo che avverrà nei prossimi 10–20 anni.

Proprio come con i floppy disk, il resto dell’industria è assolutamente felice di lasciare ad Apple il ruolo di pioniere. È una scommessa. Ma se Apple vince la scommessa (e per adesso è sulla buona strada), si troverà anni e anni avanti rispetto alla concorrenza. Se Apple perde la scommessa, beh, non si trova in debito e sta seduta su una montagna di soldi che sembra Fort Knox. Può benissimo cadere in piedi.

La scommessa è, grosso modo, che il futuro dell’informatica:

  • presenterà un modello di UI basato sulla diretta manipolazione di oggetti di dati
  • renderà il filesystem del tutto invisibile all’utente
  • favorirà la facilità d’uso e la riduzione della complessità rispetto a una flessibilità assoluta
  • favorirà i vantaggi per l’utente finale più che per lo sviluppatore o per altri produttori
  • sarà basato su applicazioni native create per uno scopo preciso e applicazioni Web universalmente accessibili

Tutto sommato sembra un risultato realizzabile, e non è nemmeno tanto malvagio.

Ma noi del Vecchio Mondo dobbiamo imparare ad accettare il fatto che molte delle cose a cui siamo abituati stanno sparendo. Forse non se ne andranno subito, ma spariranno.

L’industria intera passerà all’Informatica del Nuovo Mondo? Non prima che Apple dimostri il proprio successo con questo tipo di approccio. Pertanto ritengo che difficilmente vedremo la nuova informatica applicata universalmente a tutti i dispositivi prima dei prossimi vent’anni.

Ma il keynote di mercoledì mi ha comunicato che questa è la direzione in cui Apple si sta muovendo. Fate i vostri piani di conseguenza.

Quanto ci vorrà per completare il passaggio dal Vecchio al Nuovo Mondo? Secondo me la fine sarà vicina quando sarà possibile realizzare una nuova applicazione per iPad su un iPad. Quando sarà possibile farlo comodamente senza dover ricorrere a un tradizionale computer da scrivania, i giorni dell’Informatica del Vecchio Mondo saranno ufficialmente contati.

L’iPad come dispositivo in sé non rappresenta necessariamente il futuro dell’informatica o del personal computer. Ma come ideologia credo di sì. Con il senno di poi, obiezioni come “Perché dovrei comprare questo dispositivo quando ho già un telefono e un laptop?” sembreranno sciocche come quando si diceva “Perché dovrei comprare un iPod se offre meno spazio di un Nomad?”.

The Author

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!

35 Comments

  1. Bellissimo articolo e ottimo lavoro certosino di traduzione :)
    Credo che molti si siano davvero concentrati solo sull’hardware dell’iPad (che è importante, per carità) mentre pochi hanno guardato al software. Non comprerò l’iPad, perlomeno in questa prima incarnazione, ma mi attira provarlo per sperimentare la nuova UI. E scommetto che verranno lanciate molte nuove applicazioni che sfrutteranno lo schermo tattile in maniera innovativa. Attendiamo fiduciosi.

  2. claudio says

    Perché dovrei comprare questo dispositivo quando ho già un telefono e un laptop?

    .… ma quest’uomo mi ha sentito parlare? A questo punto cosa devo decidere, la configurazione ideale? Voi cosa dite, wi-fi o 3G? Considerando la diffusione wi-fi del bel paese meglio 3G? Considerando l’onestà delle compagnie telefoniche del ble paese meglio wi-fi?

    L’articolo in questione è comunque molto profondo e mi ha riportato indietro negli anni, con tutte le perplessità che abbiamo avuto noi del Vecchio Mondo. Ormai è deciso, salterò a piedi pari nel Nuovo Mondo, alla faccia degli “anta” alle porte.
    Saluti.

  3. Complimenti per l’analisi, è esattamente quello che ho pensato in questi giorni dopo la presentazione dell’iPad. Le discussioni sul multitasking, sui pregi e sui difetti lasciano il tempo che trovano: siamo di fronte ad un cambiamento progressivo verso il modo di intendere “il computer”. Il bello è che siamo solo all’inizio.

  4. Francos says

    Grazie Riccardo per la precisa traduzione. Steven ha ragione e la sua visione è per me condivisibile.
    Come disse un presidente di Apple italiano, aspettiamoci l’impossibile.

  5. Studio informatica per passione da 10 anni, per motivi universitari da 6. Questa visione è meravigliosa, è un’analisi splendida ed andrebbe fatta leggere a tutti i ragazzi che si avvicinano a questo mondo.
    Grazie Riccardo per la traduzione e per aver messo a fuoco l’articolo!

  6. Bellissimo articolo. Grazie per averlo tradotto e reso disponibile.

  7. Caro Mori, ogni tanto leggo il tuo blog perché pieno di spunti, sebbene spesso non condivida le tue opinioni. Mi sembra che alcuni, come l’autore dell’articolo citato, si sforzino di essere “più jobsiani di Jobs” trasformando quelle che sono fondamentalmente scelte di mercato in rivelazioni della Nuova Verità Informatica (come questo retorico richiamo di un presunto “Nuovo Mondo” che sembra uno slogan uscito da un’agenzia pubblicitaria di terza categoria).

    Le previsioni che fa il citato articolo, su interfacce utente più astratte e più guidate, sono di buon senso. Quello che non ha senso è considerare queste tendenze come compiute in prodotti come iPod/iPhone/iPad: è difficile considerarli come piattaforme alternative ad un sistema operativo tradizionale, visto che per il loro funzionamento -a partire dall’attivazione- richiedono di essere abbinati ad un computer tradizionale con iTunes. Questi prodotti possono dare l’illusione di aver trovato un nuovo, virtuoso compromesso tra flessibilità ed usabilità solo perché beneficiano di molte limitazioni intrinseche, alcune delle quali mosse da (sacrosante) scelte di marketing. Ad esempio, far passare il software di terzi da App Store è un indubbio vantaggio tecnico e al tempo stesso un affarone. Ma per App Store non potranno mai passare Photoshop o Cinema4D o ArchiCAD o i complessi gestionali che sviluppo per le aziende mie clienti (che il codice sorgente lo pagano e non intendono regalarlo ad Apple né pubblicarlo in App Store), per cui non appena si esce dal bacino d’utenza standard di iPod e iPhone ecco che il beneficio di App Store viene meno e ritorna in gioco un enorme fattore di complessità.

    Questo Apple lo sa benissimo, altrimenti già da un pezzo avrebbe modificato MacOS X in questa presunta direzione (niente scrivania, niente file system ecc.). Invece MacOS X continua ad essere sempre più rifinito e sempre più complesso, dunque sempre più potente. Considerare “Vecchio Mondo” Snow Leopard mi sembra fuori luogo… :-)
    Sebbene Jobs si dichiari contrario ai dispositivi dedicati, prodotti come iPod/iPhone/iPad sono dei dispositivi *parzialmente* dedicati; sono dei sottoinsiemi di un computer tradizionale. Fanno meno cose ma sono più facili da usare. Del resto anche un navigatore GPS è un sottoinsieme di un personal computer, fa meno cose, è più facile da usare. Quindi anziché parlare di “Nuovo Mondo” tout-court parlerei di una maggiore attenzione ai sottoinsiemi del mercato degli utilizzatori di computer, che apprezzano prodotti più ritagliati sulle loro esigenze.

    Per concludere, io che sono utente e sviluppatore Mac da vent’anni, con apparecchi come l’iPhone ci sto molto stretto. Quando un concorrente di Apple venderà un prodotto simile ma soddisfacendo le mie poche esigenze aggiuntive, sarò lieto di comprarglielo. In barba al “Nuovo Mondo”. :-)

    • Alessandro Ranellucci: Ti ringrazio per il contributo, come ringrazio tutti gli altri commentatori. Sono piacevolmente sorpreso dai complimenti che sono arrivati per la mia traduzione. Ho solo un’osservazione da fare. Tu scrivi:

      Quello che non ha senso è considerare queste tendenze come compiute in prodotti come iPod/iPhone/iPad: è difficile considerarli come piattaforme alternative ad un sistema operativo tradizionale […]

      Attenzione: secondo me Steven Frank non considera affatto queste tendenze come compiute in iPad e in generale nella piattaforma Touch. Il nocciolo della sua riflessione, per come la vedo io, non è che i dispositivi/computer del Nuovo Mondo saranno tutti come iPad (ossia menomati, secondo il punto di vista della categoria di utenti del Vecchio Mondo come me e te). Quel che vuole dire è che iPad non è nient’altro che una direzione, una scommessa, con tutti i forse e i distinguo da fare; e che comunque parla di una evoluzione che si vedrà in 10–20 anni. Il passaggio chiave è:

      Secondo me la fine sarà vicina quando sarà possibile realizzare una nuova applicazione per iPad su un iPad. Quando sarà possibile farlo comodamente senza dover ricorrere a un tradizionale computer da scrivania, i giorni dell’Informatica del Vecchio Mondo saranno ufficialmente contati.

      Dobbiamo guardare al di là di “iPad” e “iPhone”, che a mio avviso sono più che altro dei segnali di una possibile trasformazione che avrà bisogno di tempo per essere portata a compimento. L’altra frase chiave in questo senso è:

      L’iPad come dispositivo in sé non rappresenta necessariamente il futuro dell’informatica o del personal computer. Ma come ideologia credo di sì.

      Quando invece dici che:

      Ma per App Store non potranno mai passare Photoshop o Cinema4D o ArchiCAD…

      Ti rispondo come forse ti risponderebbe Steven Frank: No, nello App Store di adesso probabilmente no. Ma fra cinque anni? Chi lo sa come si evolve la piattaforma Touch. Intanto è emblematico che all’indomani della presentazione di iPad, Ken Case, il CEO di Omni Group, abbia dichiarato che intende cambiare i piani dell’azienda per il 2010 e vuole dare priorità al porting delle 5 maggiori applicazioni di Omni Group (OmniGraffle, OmniOutliner, OmniPlan, OmniFocus e OmniGraphSketcher) per creare versioni su misura per iPad.

  8. Pingback: Say Hello to iPad! | SYSblog.it

  9. Temevo, essendo nato nel 1982, di non poter assistere più a nulla di grande nel mondo informatico.

    Infondo, Apple aveva inventato il personal computer come lo conoscevo due anni dopo la mia nascita.

    Dopo l’introduzione dell’iPhone, ho sperato ogni giorno che Apple presentasse un grosso iPod Touch (e non capisco il problema di molti nel fatto che sia un grosso iPod Touch), usabile per molti task tipici di un Mac, senza la complessità intrinseca di un computer vero.

    L’iPad è la risposta alla mia speranza. Stampassi i soldi, ne regalerei uno a mio padre, uno a mia madre, uno a mia sorella, uno al mio migliore amico ed uno alla mia ragazza, perché è un dispositivo incredibile, che avvicinerà alla tecnologia due fette di mercato (gli anziani e i bambini) grazie all’interfaccia tattile e ad un sistema operativo che, derivando da iPhone OS e ampliato per lo schermo più grosso, semplifica ma potenzia enormemente le operazioni che può compiere.

  10. Pingback: iPad: le solite storie.. | AC Magazine

  11. nuovo mondo e vecchio mondo sono un’ottima metafora.

    vorrei solo capire se è vero che se del multitasking ne abbiamo fatto pane quotidiano come faremo con i nuovi sistemi one per time.

    ipad limita questo ma assapora la libertà della batteria. i concorrenti non riescono a starci dietro se non con esperimenti con batterie più grandi per permettere funzionalità pari o superiore con multitasking.

    ora vedrei come curiosità se hp slate sia una vera risposta e se ne salteranno fuori altri.

    questi strumenti migliorano l’hmi ma alcune cose le lasciano col dubbio. disegnare sarà più semplice ma scrivere? con le dita o con pennino?

  12. Pingback: Tweets that mention Il Vecchio Mondo e il Nuovo Mondo dell’informatica « Autoritratto con mele -- Topsy.com

  13. Fearandil says

    Ho visto cosa c’è in fondo a questo vecchio mondo ed è una valle che ci slega dalle applicazioni e ci apre il mondo della contestualità. Il multitasking serve a passare dati da Photoshop a Cinema4D, prendere un Word e impaginarlo con InDesign.
    Adesso iPhoneOS sposta il paradigma delle App stagne e toglie il multitasking, permettendo all’80% della gente di accedere alla sicurezza dell’affidabilità e della semplicità. La stessa sicurezza che passa dai primi modelli di carri-meccanici alla Ford T.
    Il futuro io lo vedo diverso, in base al contesto applico “plug-in” che mi permettono di modificare il grumo di dati che sto elaborando. È un impaginato? Muovo i box (Immagini, testi, video) con le maniglie. Per l’oggetto selezionato posso mettere più o meno attributi e modificarli (un po come fanno Lightroom e Aperture). Voglio editare il video? Doppio tap e taglio il video, torno e continuo ad impaginare. Faccio un 3D? Doppio tap ed edito la texture, son soddisfatto e faccio partire il rendering (che da solo andrà in Background, visto che non prevedere interazione con me. Quando finirà il sistema di notifica mi segnalerà la cosa).
    È fondamentale che il sistema sia aperto e che si possano acquistare nuove funzioni da un “PlugStore” ;)
    Faccio una provocazione, se a qualcuno interessa, come concetto (sempre che riusciate a capire il mio contorto italiano) contattatemi via mail (autorizzo il sito a darla a chi ne fa richiesta).

    • Fearandil: È un concetto interessante. Faccio presente, in ogni caso, che questo tuo modello di ‘PlugStore’ è a mio avviso già presente in embrione nell’App Store. In un certo senso tutte le applicazioni utili che uno si installa su iPhone sono applicazioni che estendono le funzionalità di iPhone stesso. I programmi di manipolazione delle foto, per fare un esempio concreto, mi permettono di applicare filtri e modifiche sia a immagini già presenti nella libreria, sia a foto che l’applicazione stessa — accedendo alle API che gestiscono la fotocamera — consente di scattare.

      Certo, App Store, così com’è ora, è un mercato delle pulci, un guazzabuglio, dove le applicazioni davvero utili (che sopperiscono a carenze del dispositivo, che rivoluzionano l’uso stesso di iPhone, ecc.) sono un po’ sperdute in una folla di giochi, passatempi, sciocchezze varie che strappano una risata e poi si cancellano. Ma io non sono affatto convinto che la situazione resterà così con iPad.

      Quando si comincerà a usare diffusamente iPad, e gli sviluppatori creeranno applicazioni ottimizzate per iPad, secondo me si produrrà uno scarto qualitativo rispetto al software disponibile per iPhone e iPod touch. Nasceranno applicazioni più sofisticate e professionali, che svilupperanno ed estenderanno ancora di più quelle potenzialità che abbiamo appena appena intuito guardando il keynote del 27 gennaio. Si creerà un ‘App Store dentro l’App Store’ di software solo-iPad che interesserà sicuramente molti sviluppatori Mac, i quali, viste le dimensioni più generose di iPad e la possibilità di effettuare certi compiti con una comodità più da computer che da smartphone, sono sicuro proveranno a fare il porting di programmi scritti originariamente per Mac OS X, e ne vedremo delle belle. Come scrivevo in un altro commento, il CEO di Omni Group ha cambiato i piani dell’azienda per il 2010 per lasciare spazio allo sviluppo per iPad, e vuole portare su iPad versioni ad hoc dei 5 maggiori software per Mac OS X prodotti da Omni Group. È un bel segnale.

      In più starei davvero attento a vedere che cosa succederà con il multitasking. Io non sono convinto che iPad si comporterà esattamente come ora si comportano iPhone e iPod touch per quanto riguarda l’impossibilità di far girare applicazioni in background. Apple ha sviluppato un processore veloce e risparmioso dedicato all’iPad. Non è escluso che, se tale processore (o famiglia di processori, contando le iterazioni che verranno) si rivela essere: a) sufficientemente potente da gestire processi in background, e b) sufficientemente a basso consumo da permettere una buona autonomia della batteria, Apple potrebbe rendere un po’ più permeabili le mura che ora dividono le singole applicazioni, arrivando a una situazione da ‘PlugStore’ come tu prefiguri. Speriamo.

      Ho questo e altro da dire in un altro articolo che sto elaborando su iPad e che spero di pubblicare domani. Stay tuned :)

      Grazie di essere passato di qua,
      Riccardo

  14. Fearandil says

    @Riccardo: quello che dici è vero, e lo condivido sul medio termine, ma la vera rivoluzione potrebbe essere il passaggio da un flusso di lavoro applicazione centrico ad un flusso docu-centrico. In fondo tutti i programmi si reinventano la ruota (file browser, stampa, esci, preferenze, ecc) quando a me servono solo le funzioni appropriate al tipo di dato che sto elaborando. Se invece di caricare Photoshop potessi attivare il “plugin” Curve risparmierei un sacco di RAM e di “Salva/switch/apri/risalva/riswitch) e guadagnerei in coerenza di interfaccia.

    • Fearandil: È infatti uno degli aspetti sui quali sto rimuginando per il mio prossimo articolo. Il possibile ritorno a una visione del personal computing incentrata sui dati e documenti, più che sulle applicazioni; come già facevano il Lisa nel 1983 e il Newton nel 1993.

  15. Pingback: Mezz’ora di luce « Macworld Online

  16. Simone says

    Rabbrividisco di fronte a certe affermazioni di quest’articolo

    Nel Nuovo Mondo i computer si focalizzano sui compiti. Leggiamo le email, navighiamo il Web, ci divertiamo con un gioco, ma non facciamo tutto contemporaneamente.”
    può anche essere vero anche se nella mi esperienza questa cosa non è per nulla vera

    ma la cosa veramente orribile è questa:
    “Un modo gestito di spostare i processi in background. Gli utenti del Nuovo Mondo stanno già sperimentando i benefici dell’incremento prestazionale e di autonomia della batteria offerti dall’incapacità di eseguire un task in background. Intanto gli utenti del Vecchio Mondo si stanno strappando i capelli.”

    Qui si afferma che l’origine di tutti i problemi dell’informatica odierna è il multitasking e che svolgere un compito alla volta sia la soluzione di tutti i mali. Il problema di oggi è che la qualità del software è scadente, non solo quello dei vari programmi free scaricabili, ma anche quello dei sistemi operativi. Windows ne è un degno esempio, ma tutti i sistemi operativi seguono a ruota. Non conosco le caratteristiche del sistema operativo dell’ipod… se l’iphone non è multitasking immagino che neanche quello lo sia. Ebbene ho assistito più di una volta al crash del sistema operativo ed al riavvio del device.. qual’è il problema? la mancanza di qualità del software, l’incapacità degli sviluppatori di ottenere un sistema perfetto.
    Allora dire che un computer che non supporta il multitasking è una cosa bella è l’elevazione dell’incapacità di far funzionare le cose in un modo che richiede più sforzo, più studio. Dire che il mono-task è bello perchè così la batteria ti dura di più è l’esaltazione dell’incapacità tecnica attuale di trovare soluzioni ottimali migliori.

    Allora .. mi va benissimo che i nuovi device MAC sono il frutto dello studio della interazione tra utente e macchina che rende sempre di più il device appendice integrata con l’uomo, mi va benissimo il discorso sulla scomparsa del file system per i quali servono paradigmi nuovi e più intuitivi, non mi va bene che si esalti la regressione dei modelli di programmazione per una manifesta incapacità attuale. Posso passare che si tratti di una soluzione temporanea per sopperire a questa incapacità attuale.

  17. Xanderoby says

    Nuovo Mondo e Vecchio Mondo definiti in logica iPad, iPod Touch, iPhone.
    Quanti Vecchi e Nuovi Mondi son passati da CLI a GUI e poi da device dedicati a sterili ibridi che riempono cassetti e discariche mentre cambiano solo le rappresentazioni delle metafore che utilizziamo?
    Quanti passi indietro deve fare l’informatica (multitasking vs batteria = ARM e piattaforme computazionali serie, altro che multitasking vs monotasking..), ed in generale il genere umano, per far sopravvivere il mercato e con esso l’annientamento di studi secolari oggigiorno ribaditi piuttosto che smentiti?
    Basterà un Jobs, un Gates, un Ive od un Ballmer a seppellire i concetti di buon design, o più semplicemente nuove mandrie di adoratori auspicheranno la quotidiana discesa dal Sinai prevedendo un Futuribile che mai sarà, come già fecero i padri 50 anni orsono?
    Più un problema semantico, se non fosse un mero problema commerciale.

    • Xanderoby:

      Nuovo Mondo e Vecchio Mondo definiti in logica iPad, iPod Touch, iPhone.

      Un’interpretazione un po’ riduttiva.

      Sul multitasking la mia posizione, che ribadisco di nuovo, visto che parli di “passi indietro dell’informatica”, è molto semplice: non confondiamo gli attuali limiti hardware di iPhone e iPod touch con chissà quale presunta tendenza semplificatoria. Io sono convinto che il multitasking menomato di iPhone e iPod touch sia un male necessario e transitorio, finché lo hardware dei dispositivi touch non potrà gestire processi in background senza visibili inciampi prestazionali. Ma non credo si debba leggere in questo un segnale che il destino dell’informatica è segnato. In altre parole, non facciamoci prendere troppo la mano da una visione immobilistica del non-multitasking di iPhone, iPod, e iPad. Non credo affatto che la situazione rimarrà immutabile. (E non lo crede nemmeno Steven Frank). Da che conosco l’informatica, non ho mai visto niente di veramente immutabile.

  18. Pingback: La logica dell’iPad ed il computer del futuro - TomStardust.com

  19. robyv says

    Ho creato un’illustrazione nella mia applicazione di disegno, e ora voglio passarla a quest’altra applicazione per ritagliarla e applicare filtri”
    Questa impostazione Apple circa 15 l’aveva già in mente e presentò OpenDoc ma purtroppo come per il Newton era una tecnologia fuori tempo e non venne accolta come meritava, ora con l’iPhoneOs potrebbe riprendere i concetti fondamentali e rilanciarla.

  20. Pingback: iPad segna il passaggio tra il Vecchio Mondo e il Nuovo Mondo dell’informatica - iPad Italia – Il blog italiano sull'Apple iPad

  21. Pingback: Inutile « Multifinder

  22. Pingback: iPad, il futuro dell’informatica - TheAppleLounge

  23. Simone says

    Scusate, cosa diceva sul multitasking quel genio di Steven Frank? A due mesi dal mio ultimo post e dopo l’uscita di OS 4.0 la penserà ancora allo stesso modo o ha cambiato bandiera?

    Gli utenti del Nuovo Mondo stanno già sperimentando i benefici dell’incremento prestazionale e di autonomia della batteria offerti dall’incapacità di eseguire un task in background. Intanto gli utenti del Vecchio Mondo si stanno strappando i capelli. NON POSSO FARE MULTITASKING, giusto? Ritengo che debba esistere un ragionevole punto medio.”

    Mi sembra un opinionista del sabato sera venduto agli interessi economici del momento

    • Simone: Quotando il frammento che tu estrapoli nella sua interezza, Frank continuava dicendo:

      Ritengo che debba esistere un ragionevole punto medio. Magari i processi potrebbero richiedere degli intervalli in background al sistema operativo. Magari un utente può attivare/disattivare la possibilità di far girare processi in background. Non so. Ma credo che possa esserci una situazione intermedia che non sacrifica quel che abbiamo guadagnato finora a scapito di parte della flessibilità a cui eravamo abituati.

      Il multitasking implementato su iPhone OS 4 è una soluzione intermedia “che non sacrifica quel che abbiamo guadagnato finora a scapito di parte della flessibilità a cui eravamo abituati”. Steven Frank non è un indovino, siamo d’accordo, ma ritengo che gli sviluppi di iPhone OS 4 non sono in totale scontro con la sua opinione. Lui almeno si è sbilanciato e ha offerto un punto di vista, sicuramente più informato, articolato e intelligente di tanti altri. È facile e comodo fare le pulci agli altri a posteriori.

Comments are closed.