Breve excursus sul Blu-Ray

Tornando alla mirabolante discussione sulla lista di discussione di Luca Accomazzi di cui parlavo nel mio intervento di qualche giorno fa (“Cambiate piattaforma”), non sono sicuro di capire fino in fondo questa ostinazione sul Blu-Ray palesata da alcuni partecipanti della lista, e dallo stesso Accomazzi in testa.

Quando fu introdotto il DVD come supporto per la visione di film, le superiorità del DVD rispetto alle videocassette VHS erano evidenti anche ai profani, e il tasso di adozione del DVD fu piuttosto rapido. Un fenomeno abbastanza analogo avvenne nel passaggio da vinile a CD. Ricordo ancora distintamente con che velocità VHS da una parte e LP dall’altra scomparivano dagli scaffali dei negozi.

Con il Blu-Ray, malgrado l’innegabile superiorità del supporto rispetto al DVD, noto empiricamente come il tasso di adozione di Blu-Ray e quindi dell’abbandono del DVD non sia altrettanto rapido. Non sto a scomodare statistiche (anche perché in questo momento di transizione non so quanto contino, e sono sicuro che cambiano da paese a paese), ma osservando sia nei negozi specializzati, sia nelle grandi catene di elettronica e video, megastore, ecc., continuo a notare come l’offerta di Blu-Ray sia ancora limitata a un paio di scaffali e il rapporto di diffusione rispetto al DVD sia ancora dell’ordine di 10:90 o al più 20:80. Almeno qui in Spagna, in Italia e altrove non so.

Altri dati empirici: Matrix (per prendere un titolo disponibile in tutti i formati) lo trovo alla FNAC di Valencia per 5,95 Euro su DVD e 21,95 Euro su Blu-Ray. La differenza di prezzo è dello stesso ordine di grandezza per i supporti registrabili vergini dei due formati.

Pur non considerando la Wikipedia fonte di informazioni attendibili al 100%, trovo egualmente interessante questo passaggio, nella sezione Improvements and succession (Miglioramenti e successione) della voce DVD della Wikipedia inglese:

Tuttavia […] non vi è alcuna indicazione immediata che la produzione dei normali DVD andrà diminuendo gradualmente, dato che continuano a dominare il mercato con circa l’87% delle vendite nel settore video e circa un miliardo di lettori DVD venduti in tutto il mondo. Gli esperti infatti sostengono che il DVD rimarrà il medium dominante per almeno altri cinque anni, considerando che la tecnologia Blu-Ray è ancora nella sua fase introduttiva, che le velocità in lettura e scrittura sono ancora mediocri, e che l’hardware necessario è ancora costoso e poco diffuso. […]

Alcuni analisti sostengono che l’ostacolo più grande per la diffusione del Blu-Ray a scapito del DVD è dovuto alla base di installato: una vasta maggioranza di consumatori è più che soddisfatta dal DVD. […] 

La diffusione del Blu-Ray in quanto a supporto per l’intrattenimento è ulteriormente frenata da un altro fattore: serve un televisore adeguato per poter fruire al meglio dei contenuti, altrimenti un DVD va benone. Per bassi che siano i prezzi di televisori piatti a grande schermo, passare a Blu-Ray è comunque un investimento che va al di là del comprarsi il lettore e i dischi. E non tutte le famiglie — specie in questo periodo economico — possono o vogliono permettersi l’home theater in casa.

A parte le deboli scuse sul discorso licenze, Steve Jobs ha anche dichiarato che Blu-Ray comparirà sui Mac quando sostanzialmente ne varrà la pena e il mercato sarà maturo. Si può obiettare che se Apple introducesse Blu-Ray sui Mac potrebbe contribuire a rinvigorire il mercato, ma forse in Apple qualcuno ha fatto due conti e ha deciso di non voler correre il rischio.

Le mie osservazioni personalissime: come dispositivo per fruire di video ad alta definizione, non so quanto senso abbia introdurlo di serie su portatili dagli schermi piccoli (piccoli rispetto ai televisoroni di casa). Come dispositivo per effettuare i backup non so quanto sia all’avanguardia, pratico, conveniente o indispensabile rispetto ad altre soluzioni. Io da questo punto di vista preferirei che scendessero di prezzo e aumentassero in capacità i dischi a stato solido, per esempio. Per come è messa la tecnologia Blu-Ray ora, non ho molta fretta di vedere masterizzatori Blu-Ray di serie sui Mac, e ritengo che la strategia di attesa di Apple non sia del tutto fuori luogo. Chi proprio non può fare a meno del Blu-Ray può collegare lettori/masterizzatori esterni (Roxio Toast Titanium 10 supporta la lettura/scrittura di dischi Blu-Ray). Ma sono molto interessato a una vostra opinione e al confronto di punti di vista, perché magari ho tralasciato qualche aspetto importante della questione e sono io a non capire.

Category Mele e appunti Tags

About Riccardo Mori

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!