L’ultimo dei ricuperati: Power Mac 9500/132

Circa un paio di settimane fa, ho salvato un altro Mac da fine certa (discarica). Lo studio dove lavora l’amico Marco buttava un paio di vecchi Mac e due monitor, e lui, gentilissimo, mi ha avvertito con un’elettromissiva. I due Mac si pensava fossero un Power Mac 9500 e un 9600, ma poi, giunto sul posto per prendermi l’agognato 9600, si è scoperto che in realtà si trattava di un… Quadra 840AV. Allora, premio di consolazione, ho optato per il 9500.

Tornato a casa con il bottino, ho subito proceduto con le fasi preliminari di pulizia del case, apertura dello stesso e rimozione della polvere grassa da ventole e schede interne. Un Mac non si butta mai, e il Power Mac 9500, pur essendo una macchina di una decina d’anni fa, dimostra ancora grinta e voglia di lavorare. All’accensione le prime gradite sorprese. Buona dotazione di RAM (272 MB), scheda video che riesce a pilotare un monitor 17″ CRT a 1280 x 1024, e due hard disk interni (uno da 2 GB e l’altro da 8,4 GB). Non mi posso lamentare. In più ha 5 slot PCI liberi, e io avevo giusto in giro una scheda USB PCI da provare. Al momento in cui scrivo la scheda è installata, i driver caricati, il sistema aggiornato al massimo possibile (Mac OS 9.1). Apple System Profiler la vede, ma collegando una qualsiasi periferica, alimentata o no, niente da fare. Quando avrò un attimo di tempo farò il consueto balletto di estensioni e pannelli di controllo, finché (si spera) troverò la combinazione giusta.

Per intanto sono molto soddisfatto, e non vedo l’ora di mettere a punto hardware e software. Il Power Mac 9500 nella mia rete locale dovrebbe a brevissimo sostituire il Quadra 950, il quale, con ogni probabilità, non andrà affatto in pensione, ma finirà a lavorare altrove. Non è male per un computer che ormai ha 15 anni. Ma l’ho già detto, un Mac non si butta mai.

(Un grazie a Marco).

Category Mele e appunti Tags ,

About Riccardo Mori

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!