Le novità introdotte in iOS 4

In continuità con la tradizione, Rene Ritchie ha pubblicato una panoramica completa delle funzionalità della più recente versione del sistema operativo di iPhone. Le sue informazioni derivano dall’ultima beta presentata alla WWDC 2010, la Golden Master, che è solitamente la versione più matura e vicina alla release finale. Pertanto, a parte eventuali cambiamenti o aggiunte dell’ultim’ora, quelle elencate da Ritchie dovrebbero essere le funzioni che troveremo nell’aggiornamento iOS 4 disponibile domani.

L’articolo a cui faccio riferimento è lungo e ricco di immagini, e mi sembra superfluo riprodurle qui. Invece mi sembra pratico utilizzare l’articolo (traducendo e parafrasando) per fare il riassunto delle novità importanti di iOS 4.

Le applicazioni che non sono cambiate

  • Borsa;
  • Meteo: incredibilmente questa applicazione è rimasta identica dai tempi di iPhone OS 1.0, e rimane invariata anche in questo turno. Non le hanno nemmeno dato un’icona stile calendario, che si aggiorni e mostri automaticamente temperatura e attuali condizioni meteo;
  • Memo Vocali;
  • Orologio;
  • Calcolatrice: l’unica modifica è un leggero restyling dell’icona, per renderla più visibile quando si usano immagini di sfondo (ora personalizzabile).

Nuove funzionalità presenti in tutto il sistema

Correttore ortografico: apparso per la prima volta su iPad con iOS 3.2, ora è anche disponibile in iOS 4 su iPhone e iPod touch. Le parole che il sistema operativo giudica mal scritte vengono sottolineate in rosso. Toccandole comparirà un pop-up (simile a quello dell’operazione di copia-incolla) con la sostituzione consigliata dal sistema. Toccando la sostituzione proposta, la parola verrà cambiata.

Sostituzione del testo: Parlando di copia-incolla, ora alle opzioni Taglia, Copia e Incolla si aggiunge Sostituisci, altra novità introdotta su iPad con iOS 3.2. In più, se iOS 4 corregge automaticamente una parola e tocchiamo immediatamente il tasto Backspace, apparirà un pop-up che offrirà di sostituire la correzione ripristinando la parola precedentemente digitata.

Controllo Vocale: Pare che sia stato aggiunto qualche comando in più: se si chiede a iPhone “Che ore sono?”, Controllo Vocale dovrebbe rispondere opportunamente.

Wi-Fi: Ora iPod touch — e con ogni probabilità anche iPhone — possono rimanere collegati a una rete Wi-Fi anche mentre sono in stop. Questo significa chiamate VoIP in background, notifiche push, e il fatto che applicazioni che necessitano della connessione Wi-Fi costante possono continuare a funzionare.

Tastiera virtuale: Invece di limitarci a toccare il tasto con l’icona del globo per passare da una lingua all’altra, ora se tocchiamo e teniamo premuto apparirà un pop-up con l’elenco delle lingue abilitate sulla tastiera.

Supporto per tastiere Bluetooth: Anche questo sulla scia di iPad.

Aggiornamenti delle impostazioni del gestore telefonico over-the-air: Secondo quanto riportano gli utenti canadesi, pare che iOS 4 aggiunga la possibilità di ricevere via push gli aggiornamenti delle impostazioni del gestore di telefonia, e di installarli direttamente senza passare da iTunes. Non male.

Aspetto della schermata principale: Anche in questo caso, come già per iPad, SpringBoard (l’applicazione che sta dietro alla schermata principale — sorta di equivalente del Finder in Mac OS X) supporta la personalizzazione dell’immagine di sfondo e, sullo stile del Dock di Mac OS X, anche il Dock di iPhone riceve il trattamento traslucido e tridimensionale. (Se si acquista il nuovo iPhone 4, o se si effettua una installazione ex-novo di iOS 4, si noterà che le applicazioni Orologio, Bussola, Calcolatrice e Memo Vocali vengono automaticamente spostate in una cartella Utilità preimpostata).

Icone di stato: Oltre alle solite icone di stato che appaiono nella barra superiore, con iOS 4 ne vedremo delle altre. Una freccetta che punta in direzione Nord-Est segnala che i Servizi di localizzazione (GPS) sono al momento attivi (vi è almeno una applicazione che ne sta facendo uso). Invece, un’icona rappresentante un lucchetto racchiuso in una freccia circolare segnala che è stato abilitato il blocco dell’orientamento dello schermo di iPhone mediante l’apposito widget (vedere più avanti).

Spotlight: Ora nella schermata di Spotlight è possibile estendere le ricerche al Web e alla Wikipedia. Toccando uno dei risultati ottenuti si aprirà MobileSafari alla pagina corrispondente.

Multitasking: Su come viene implementato il multitasking in iOS rimando a questo post di aprile. Una menzione però meritano gli widget: così come a sinistra della schermata principale troviamo la speciale schermata di Spotlight, a sinistra dello switcher per passare da un’applicazione all’altra durante il multitasking troviamo uno speciale Dock che racchiude alcuni widget. I controlli visibili sono cinque: un pulsante per il blocco dell’orientamento dello schermo (la versione software del pulsante hardware su iPad); tre controlli circolari per la riproduzione/pausa, brano successivo e brano precedente (o, se si tiene premuto, avanti veloce e indietro veloce) — anche se la musica riprodotta è in streaming; e il pulsante/icona dell’applicazione che al momento sta riproducendo musica, così che vi si possa accedere in qualsiasi momento.

Cartelle: Come si è già detto, iOS 4 supporta le cartelle. Una cartella è un contenitore nel quale si possono archiviare fino a 12 applicazioni. Per raggruppare una serie di applicazioni in una cartella — ad esempio le applicazioni A, B, C, e D — non si fa altro che tenere premuto su un’icona qualsiasi fino a che tutte le icone sullo schermo iniziano a tremolare; si trascina col dito l’applicazione A sopra l’applicazione B. In questo momento viene creata l’icona della cartella, sulla quale poi si trascineranno le applicazioni C e D. Una cartella può essere spostata ovunque, anche nel Dock, così da avere sempre sottomano un numero maggiore di applicazioni rispetto alle solite quattro. Per rimuovere un’applicazione da una cartella, una volta aperta la cartella, tenere premuto su un’icona finché tutte le icone all’interno della cartella iniziano a tremolare, quindi trascinare fuori dalla cartella l’applicazione da togliere. Per cancellare una cartella occorre rimuovere tutte le applicazioni in essa contenute. Tutte queste operazioni possono essere effettuate anche da iTunes, la cui ultima versione 9.2 aggiunge il supporto per la manipolazione delle cartelle.

Messaggi: In iOS 4, anche l’applicazione Messaggi riceve la funzionalità di ricerca Spotlight, che funziona come in Mail e in altre applicazioni che la supportano. Nuovo in Messaggi è anche il contatore caratteri, attivabile dall’applicazione Impostazioni. Se attivato, quando si scrive un messaggio che supera i 50 caratteri, il contatore apparirà automaticamente.

Calendario: Adesso (finalmente) è possibile scegliere se visualizzare/nascondere tutti i calendari, oppure selezionare solo quei calendari che ci interessa vedere. Aggiunti anche i calendari dei compleanni. La cosa più interessante, però, è che Apple ha dato la possibilità agli sviluppatori di accedere alle API del Calendario. Ciò significa che presto sarà possibile vedere applicazioni che permettono, per esempio, di comprare online i biglietti del cinema e veder apparire automaticamente l’orario dello spettacolo nel Calendario.

Immagini: All’applicazione Immagini vengono aggiunte le categorie organizzative di iPhoto ’09, già introdotte in iPad, ossia Eventi, Volti e Luoghi. Adesso Immagini supporta anche la vista orizzontale per le viste degli album e delle gallerie. Se si invia una foto per email, ora viene data la possibilità di spedirla a dimensioni più ridotte (piccola, media, grande) oppure nelle dimensioni originali. Infine è stato dato accesso agli sviluppatori alle librerie foto e video (e non solo alla funzione di scelta foto, come nelle versioni precedenti di iOS).

Fotocamera: Aggiunta la funzione tap-to-focus (messa a fuoco nel punto in cui si tocca lo schermo) anche durante la riproduzione dei filmati. (Era stata già introdotta per lo scatto di fotografie in iPhone OS 3.0). Con iOS 4 (e su iPhone 4) adesso appare un nuovo controllo per passare alla fotocamera VGA frontale, utile per scattare autoritratti da usare per immagini di profilo. Anche in questo caso è stato dato accesso agli sviluppatori affinché possano controllare la riproduzione e la registrazione video.

YouTube: Ora, se proprio si vuole, è possibile vedere video con iPhone in orientamento verticale (l’orientamento orizzontale rimane per default).

Mappe: Piccole variazioni. Ora l’icona a forma di mirino per individuare la posizione corrente cambia e prende la stessa forma dell’icona con la freccetta verso Nord-Est dei Servizi di localizzazione. E ora gli sviluppatori possono aggiungere delle maschere alle mappe personalizzate così da mostrare informazioni aggiuntive, come indicazioni stradali e annotazioni.

Note: Apparentemente nulla è cambiato. Invece ora è presente un pulsante Account mediante il quale si entra in una nuova schermata. In questa pagina è possibile scegliere se visualizzare tutte le note, solo le note scritte su iPhone, oppure solo le note sincronizzate via IMAP con i propri account email. Come avrete intuito questo significa (finalmente) la sincronizzazione delle note via wireless (gli account Exchange non sono ancora supportati, però).

Impostazioni: Vediamo brevemente le novità, sezione per sezione.

  • Generali > Rete: Adesso non solo è possibile disattivare il 3G e il roaming dei dati, ma anche i dati trasmessi attraverso la connessione cellulare.
  • Generali > Servizi di localizzazione: Controlli più raffinati per specificare esattamente quali applicazioni possono avere accesso a questi servizi. Le applicazioni abilitate allo scopo mostreranno l’icona della freccetta verso Nord-Est di fianco all’interruttore.
  • Generali > Spotlight: Visto che adesso il doppio clic sul tasto Home (su iPhone 3GS e iPhone 4) lancia lo switcher, il commutatore per passare da un’applicazione attiva all’altra, l’impostazione per personalizzare la funzione del doppio clic sul tasto Home è sparita, ed è stata rimpiazzata dall’accesso diretto alle preferenze Spotlight. Dato che su iPhone 3G non verrà abilitato il multitasking, tale modifica non riguarda questo dispositivo, per cui per gli utenti di iPhone 3G nulla cambierà sotto questo aspetto.
  • Generali > Blocco con codice: Adesso iOS 4 mette a disposizione di tutti gli utenti una funzione prima a esclusivo appannaggio di un profilo Enterprise: la possibilità di inserire un codice di blocco alfanumerico e non limitato a 4 cifre come prima.
  • Email, contatti, calendari: Come si è detto in precedenza, ora è possibile sincronizzare le note via IMAP, e le impostazioni necessarie appaiono qui. Anzitutto si può selezionare quale account email utilizzare per default per la sincronizzazione delle note. All’interno di account IMAP come MobileMe o Gmail si potrà attivare/disattivare la sincronizzazione. Come già detto, non sono ancora supportati gli account Exchange ActiveSync (compreso Gmail via GoogleSync).
  • Safari: Aggiunto Bing fra i motori di ricerca.
  • Messaggi: Da qui si può abilitare o meno il conteggio dei caratteri di un messaggio.
  • iPod: Ora l’applicazione iPod presenta una maschera che mostra informazioni su brani e podcast. È funzionale ma può essere un’aggiunta non gradita, pertanto la si può disattivare qui.

Quick Look: Così come Mail può mostrare le anteprime dei documenti, adesso Quick Look darà agli sviluppatori la possibilità di fare altrettanto con le loro applicazioni.

Condivisione File: Anche qui, come per iPad con iOS 3.2, è attiva la possibilità di trasferire documenti da e verso iPhone via iTunes. Manca solo un sistema elegante per sincronizzare e condividere quei documenti via wireless. Speriamo arrivi presto.

Telefono: La novità più grossa in questo ambito è ovviamente la videochiamata, ossia FaceTime. Ricordo ancora una volta: è possibile solo tra due apparecchi iPhone 4 e solo se entrambi gli apparecchi sono collegati a una rete Wi-Fi.

Mail: Abbiamo finalmente le caselle unificate. Funzionalità che farà la gioia di chi come me ha configurato molteplici account email. Altre novità sono già state trattate a questo post di aprile, che ho già menzionato prima. Spero sia comparsa la possibilità di selezionare più messaggi e marcarli come letti in un sol colpo — sarebbe davvero ora.

Safari: Analogamente a quanto già avviene con Safari su iPad, è stato aggiunto l’autocompletamento. Mentre si digita appare un elenco di suggerimenti e, sempre come su iPad, mentre rimane specificato il brand del motore di ricerca (Google, Yahoo!, Bing), esso scompare dalla tastiera virtuale, il cui tasto ora recita semplicemente “Cerca”. Per quanto riguarda il video in HTML5, in iPhone OS 3.1.3 veniva lanciato il player QuickTime a tutto schermo, mentre in iOS 4 pare che il video possa essere riprodotto direttamente lì dove si trova (inline), come su iPad.

iPod: Come anticipato sopra, adesso in iPod oltre ai normali controlli, appare una maschera con informazioni aggiuntive su brani e podcast (disattivabile nelle Impostazioni). Spariscono le playlist On-The-Go: ora esistono solo… le playlist. Creabili, modificabili, cancellabili direttamente da iPhone.

iBooks: Non è un’applicazione incorporata in iOS 4 per default, ma sarà liberamente scaricabile dall’App Store. Come per iPad, avrà contenuti a pagamento solo per gli Stati Uniti, mentre presenterà titoli di pubblico dominio per gli altri paesi (almeno all’inizio). Apple ha annunciato nuove funzioni per iBooks, come le note, i segnalibri e le evidenziazioni — e il tutto verrà sincronizzato automaticamente attraverso tutti i dispositivi iOS in nostro possesso autenticati in un account iTunes (per cui potremo avere lo stesso libro con le medesime annotazioni, su iPhone, iPod touch e iPad). Inoltre iBooks presenta il supporto per i file PDF, che vengono raggruppati in un secondo scaffale virtuale e possono essere letti da dentro l’interfaccia di iBooks.

iOS 4: compatibilità con i dispositivi

Non tutte le funzioni di iOS 4 saranno abilitate su tutti i dispositivi iOS. Ecco un riassunto delle compatibilità.

  • iPhone 4 — Tutte le funzioni.
  • iPhone 3GS e iPod touch di terza generazione — Tutte le funzioni tranne quelle che richiedono espressamente l’hardware di iPhone 4 (come FaceTime).
  • iPhone 3G e iPod touch di seconda generazione — Non avranno il multitasking, gli sfondi personalizzati e il supporto delle tastiere Bluetooth. [*]
  • iPhone 2G e iPod touch di prima generazione — Non compatibili. L’aggiornamento iOS 4 non sarà disponibile per questi dispositivi.
  • iPad — L’aggiornamento arriverà quest’autunno.

iMovie per iPhone sarà disponibile solo per iPhone 4, perché pare che richieda espressamente la potenza del processore A4.

[*] Commento personale: posso capire la mancata funzionalità del multitasking su iPhone 3G e iPod touch di seconda generazione per le limitate capacità hardware di questi dispositivi; capisco un po’ meno l’assenza di sfondi personalizzati e di supporto delle tastiere Bluetooth.

Category Mele e appunti Tags ,

About Riccardo Mori

Writer. Translator. Mac consultant. Enthusiast photographer. • If you like what I write, please consider supporting my writing by purchasing my short stories, Minigrooves or by making a donation. Thank you!